Meeting Confindustria: gli imprenditori parlano di economia circolare in una location circolare, il format ispirato ai Ted Talks
A
C’è l’economia lineare, adottata nelle società che producono, consumano e gettano i prodotti dopo averli utilizzati e quella circolare che propone invece un modello opposto, in cui il concetto di fine vita di un bene è sostituito da quello della sua trasformazione. Proprio la valenza etica e strategica dell’economia circolare e è stata al centro di Italy in Circuit - La circolarità dal punto di vista delle aziende italiane, il meeting dei Giovani Imprenditori di Confindustria Emilia- Romagna che il 9 e 10 settembre ha riunito 270 imprenditori provenienti da tutta Italia al Misano Word Circuit Marco Simoncelli in concomitanza con le sessioni di prove del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini.

Il format dell’evento è stato ideato dall’associazione in collaborazione con Aida Partners Ogilvy PR, che ha proposto la formula The Voice DEV4, una rielaborazione dei Ted Talks, le mini-conferenze di circa 20 minuti tenute dalle menti più visionarie. Per aumentare il coinvolgimento della platea presente e di quella collegata in streaming il team dell’agenzia ha analizzato i contenuti degli speech affinchè fossero direttamente legati ai concetti di sostenibilità ed etica imprenditoriale, e fatto coaching ai relatori per assicurarsi che gli interventi avessero un tono emozionale e non istituzionale.

A portare la propria testimonianza sull'economia circolare nei settori della finanza dell’agroalimentare, del manifatturiero, del turismo, dell’urbanistica e della sharing economy sono stati, tra gli altri, il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, il presidente di Confagricoltura Mario Guidi, l’amministratore delegato di Carlsberg Italia Alberto Frausin e l’amministratore delegato di Credit Suisse Italy Stefano Vecchi.

Il celebre circuito motociclistico è stato voluto da Confindustria come sede dell’evento sia per aumentare la visibilità mediatica del meeting sia per incrementare la partecipazione, grazie alla possibilità offerta ai delegati di assistere alle prove del Moto GP e visitare l’area dei paddock. A incidere sulla scelta è stata però anche la forma della location: un vero “circuito” in cui mettere in circolo le idee dell’economia circolare.

A produrre le giornate è stata Publivideo 2, l’agenzia che ha curato la logistica e l’accoglienza; il Teatro Galli di Rimini è stato la sede della cena di gala, mentre i ristoranti Embassy di Rimini e Nona di Riccione hanno ospitato le serate di apertura e chiusura dei lavori.

Commenta su Facebook