Come presentare un progetto creativo alla giuria di un premio: 10 suggerimenti di Assocom per concorrere a Eurobest
A
Il maggiore festival della creatività europea, che per la prima volta quest’anno si svolgerà in Italia (a Roma, dal 30 novembre al 2 dicembre) ha già cominciato a entrare nel vivo della produzione e a luglio aprirà le iscrizioni per le 20 categorie di premi, invitando le agenzie di comunicazione e pubblicità di tutta Europa a competere mettendo in gara i propri migliori lavori dell’anno.

Vincere un premio a livello internazionale fa gola a tutte le agenzie, ma per riuscirci non basta avere avuto una grande idea creativa: occorre presentarla in modo efficace e saperla raccontare in modo convincente. A maggior ragione sul palcoscenico di Eurobest, che lo scorso anno ha ricevuto 5mila iscrizioni da 47 paesi e dove per distinguersi occorre che i progetti siano presentati (attraverso video, schede informative e altri materiali di supporto) in modo da valorizzarne in modo corretto i punti di forza.

I suggerimenti su come presentare le “candidature” ai premi sono arrivati alle agenzie durante un workshop che Assocom e PR Hub hanno organizzato a Milano in collaborazione proprio con Eurobest, dove Fiorenza Plinio e Mark St. Andrew, rispettivamente head of awards e senior content manager del festival, hanno illustrato insieme a Bruno Bertelli, direttore creativo di Publicis Worldwide e vincitore di 33 Leoni a Cannes, le tecniche più efficaci per costruire le presentazioni delle campagne.

I 10 punti illustrati si applicano a Eurobest, ma sono validi per qualunque progetto creativo debba essere presentato di fronte a una giuria. Eccoli.

1. Concisione. La giuria è composta da professionisti che sono perfettamente in grado di capire se un progetto è meritevole sulla base di una spiegazione concisa e coerente.

2. Semplicità e chiarezza. Talvolta meno è meglio. Molte case history non riescono a comunicare l’idea e la strategia creativa in modo comprensibile e convincente. Messa a fuoco e chiarezza sono fondamentali sia per la spiegazione scritta che per il video della campagna.

3. Dritti al punto. L'idea deve essere spiegata all’inizio della case history, in modo che la giuria possa comprendere subito le dimensioni della campagna e i risultati. Evitare l'uso di parole superflue o uno stile ridondante. L’ideale è riportare tutte le informazioni chiave all’inizio e poi ampliare i concetti.

4. Cultura e contesto. Quella di Eurobest è una giuria internazionale, e l’inglese non è sempre la prima lingua di tutti. Le campagne che fanno riferimento a sfumature culturali o ambiti di un particolare paese richiedono spesso informazioni aggiuntive.

5. Una nuova prospettiva. Per presentarla al meglio, chi ha creato, pianificato e portato a termine la campagna creativa deve guardarla con gli occhi dei giurati, adattandone quindi la percezione a un nuovo pubblico.

6. Raccontare una storia. La spiegazione della campagna deve essere strutturata intorno a una narrazione semplice e stringata che però riesca a lasciare il segno.

7. Facilitare il lavoro della giuria. L'idea deve parlare da sé. Meglio evitare di creare barriere per la giuria con la produzione di contenuti ridondanti e troppo elaborati.

8. Attenzione alle categorie. Nel scegliere le categorie cui iscrivere il progetto occorre assicurarsi che siano pertinenti al tipo di lavoro svolto. L’iscrizione nella categoria “sbagliata” può penalizzarne la valutazione.

9. Evitare il gergo e le iperboli. Il gergo del settore e un linguaggio troppo specifico sono da evitare: una case history che fa uso di un linguaggio eccessivamente tecnico e di dichiarazioni non supportate da informazioni tangibili non impressiona favorevolmente la giuria.

10. Focus sui risultati. È importante fornire risultati significativi e misurabili con grafici e statistiche verificabili. In alcune categorie, i risultati contano fino al 30% del voto assegnato dai giurati. Meglio ancora se i risultati sono collegati direttamente agli obiettivi e alle strategie iniziali.

Commenta su Facebook

Altro su...

Premi