Lancio esperienziale per il nuovo VK200 di Folletto: 5mila agenti si mettono "nei panni" di un aspirapolvere, firma Planningitaly
A
Un evento condotto dal punto di vista di un aspirapolvere. È il concept utilizzato da Vorwerk Folletto, che per presentare il nuovo VK200 che riconosce le superfici con cui viene a contatto e le tira a lucido a seconda delle loro caratteristiche, ha messo tutta la sua forza vendita nei panni di un aspirapolvere. Lo ha fatto lo scorso aprile, quando i 5mila agenti, divisi in gruppi di 400/450 prsone ciascuno, hanno partecipato alle 12 giornate del lancio, svoltesi nei centri congressi dell’Ergife Palace Hotel di Roma e del Marriott Hotel di Milano.

Ascoltiamo le superfici, questo il nome dell’evento, è stato ideato e realizzato dall’agenzia Planningitaly come un lancio di prodotto esperienziale durante il quale, racconta l'amministratore unico di Planningitaly Corrado Giovenco, "I partecipanti vedevano e testavano l’aspirapolvere solo dopo aver scoperto le superfici che fanno parte del quotidiano con la stessa modalità utilizzata dall’elettrodomestico e, cioè, adottando esclusivamente il senso del tatto".

Ogni tappa, della durata di una mattinata, prevedeva un percorso composto da 3 attività, supportate da tutor che raccoglievano le impressioni degli agenti e li aiutavano ad approfondire l’esperienza che stavano vivendo. Dopo il welcome coffee, gli agenti Folletto erano invitati a inserire le mani nelle fessure di 8 cilindri di legno nei quali erano stati precedentemente collocati gli aspirapolvere in differenti posizioni.

Fatto il tentativo di attribuire una forma al prodotto, i partecipanti tornavano a utilizzare le mani per identificare i materiali che componevano le 6 superfici nascoste in un’installazione a forma di tunnel. Nell’ultima attività a entrare in gioco non era più la sensibilità delle mani, ma quella dei piedi. Tolte le scarpe, i venditori percorrevano un tunnel immerso nella penombra di una luce blu e col pavimento avvolto da fumo, impegnandosi a riconoscere le materie sulle quali camminavano toccandole esclusivamente con le piante dei piedi.  

Al termine delle esperienze sensoriali, l’evento entrava nella sua dimensione più istituzionale di convention i cui momenti salienti erano sottolineati da video prodotti da Planningitaly e da Saatchi & Saatchi. Dopo gli speech del management aziendale, a calcare il palcoscenico erano i ballerini-atleti della compagnia Kataklò, la cui performance introduceva l’arrivo sul palco dell’aspirapolvere. A comparire non era però il vero elettrodomestico ma un suo ologramma che, realizzato da Planningitaly, interagiva con i manager mostrando al pubblico le sue caratteristiche tecniche e il suo funzionamento. La presentazione virtuale che precedeva quella reale non era però l’ultima sorpresa.

Prima di testare l'aspirapolvere in 18 postazioni personalizzate con superfici di differenti materiali gli agenti potevano vedere l’elettrodomestico all’opera. All’interno di una grande installazione trasparente posta in fondo alla sala era allestito un set in cui 2 attori mettevano in scena i momenti quotidiani delle pulizie domestiche.

Una curiosità. L'evento di lancio del nuovo elettrodomestico Folletto è diventato oggetto della tesi di laurea di uno studente della facoltà di Scienze linguistiche e letterature straniere dell’Università Cattolica di Milano che ha lavorato al progetto durante il periodo di stage trascorso in Planningitaly.

© Event Report – riproduzione consentita con credito e link alla fonte

Commenta su Facebook