Balich Worldwide Shows firma l’apertura di Mother of the Nation: performance ad Abu Dhabi e spettacolo di luci a Dubai
A
È stata anche questa volta un’inaugurazione spettacolare, anche se l’occasione non era un’Olimpiade ma Mother of the Nation, il nuovo festival voluto dallo sceicco Mohammed bin Zayed, principe ereditario di Abu Dhabi, per celebrare la cultura degli Emirati e dedicato a sua madre, la sceicca Fatima Bint Mubarak Al Ketbi considerata la “madre della nazione emiratina”.

A realizzarla è stata chiamata Balich Worldwide Shows, l’agenzia del produttore di cerimonie olimpiche e inventore dell’Albero della Vita di Expo Marco Balich, la quale ha ideato una performance dal vivo di grande impatto culminata con lo spettacolo “più alto del mondo”.

La performance, che si è svolta il 22 marzo all’Abu Dhabi National Exhibition Centre‎, era incentrata sul racconto di cosa significa essere la madre di una famiglia e anche di un paese, con valori, responsabilità e spirito guida. In ogni scena Fatima Bint Mubarak Al Ketbi ha tracciato un percorso di luce incarnata in diverse forme, illuminando i personaggi dello spettacolo e guidando generazioni di uomini e donne verso il futuro.

Al termine della rappresentazione, cui hanno preso parte i più alti dignitari degli Emirati, la sorpresa, con la diretta da Dubai dello spettacolo di giochi di luce e acqua che ha animato il Burj Khalifa, che con i suoi 829,8 metri è oggi l’edificio più alto del mondo. Le fontane che lo circondano hanno iniziano a danzare sulle note di Song of Gratitude, la colonna sonora appositamente composta da Mohamed Al Ahmed, mentre il grattacielo si è acceso di mille immagini con effetti caleidoscopici, simboli arabeschi e riproduzioni dei rosoni della Gran Moschea di Abu Dhabi.

Il Burj Khalifa ripeterà lo spettacolo ogni sera fino al termine dal festival, il 2 aprile, e per Balich Worldwide Shows è stata l’occasione per approfondire la conoscenza della regione tanto che, annuncia l’agenzia, l’apertura di una sede emiratina è uno degli obiettivi in programma per quest’anno.

Commenta su Facebook