Filmmaster Events celebra i 10 anni dalla cerimonia di inaugurazione di Torino 2006, l’evento che ha cambiato l'agenzia e la città
A
Sono trascorsi esattamente 10 anni da quel 10 febbraio 2006 che ha segnato l'inizio delle Olimpiadi invernali di Torino, aperte con la cerimonia di inaugurazione firmata da Filmmaster Events. E per l'agenzia, quella prima esperienza olimpica è stata l’occasione per acquisire nuovo know how. Con l’organizzazione delle 4 cerimonie olimpiche e paralimpiche di Torino 2006 Filmmaster Events ha infatti acquisito le competenze che ha applicato in seguito agli eventi di apertura dei maggiori appuntamenti sportivi del mondo, fino a quelli ora in preparazione per le Olimpiadi di Rio 2016.

“Le cerimonie olimpiche e paralimpiche oltre ad averci emozionato tanto ci hanno cambiato per sempre: abbiamo creato un laboratorio di idee, stili, e competenze" dice Alfredo Accatino, direttore creativo dell’agenzia, autore e responsabile dei contenuti delle cerimonie di Torino. "Da quella esperienza, durata quasi 3 anni, abbiamo imparato un mestiere e un linguaggio che ci hanno permesso poi di competere, e di vincere, nel mondo".

Come ricorda Accatino, i Giochi di Torino sono stati il più grande evento di sempre mai organizzato nel nostro paese, un successo confermato anche da una visibilità mediatica da record: le 12 ore delle cerimonie in diretta sono state il programma televisivo più visto nel mondo nel 2006, conquistando anche 3 Emmy Awards, gli equivalenti televisivi degli Oscar per il cinema.

All’esito dell’evento, per il quale erano stati coinvolti 6.100 volontari e uno staff di 240 professionisti, avevano contribuito momenti rimasti nella memoria collettiva, quali l’esibizione dell’etoile della Scala Roberto Bolle su musiche e coreografie dedicate alla storia italiana e quella dello scomparso maestro Luciano Pavarotti, che aveva concluso la serata intonando l’aria Nessun Dorma.

A festeggiare i 10 anni da Torino 2006 non è solo Filmmaster Events ma l’intera città. Grazie agli investimenti di riqualificazione urbana fatti per le Olimpiadi e alla visibilità che ne è derivata, Torino si è conquistata un appeal turistico internazionale impensabile prima del grande evento, tanto che il New York Times l'ha inserita, unica italiana, tra le 52 città da visitare nel 2016.

Per ricordare e “ringraziare” le Olimpiadi il Comune di Torino ha organizzato Torino 2006-2016, il viaggio continua, 3 giorni di celebrazioni, mostre e spettacoli musicali. Dal 26 al 28 febbraio, in concomitanza con le giornate che 10 anni fa avevano chiuso i Giochi, si svolgeranno diversi eventi, fra cui il gran tour per i quartieri con la bandiera a 5 cerchi a simboleggiare il viaggio della torcia olimpica verso l’Italia e il ritrovo dei volontari.

Commenta su Facebook