Alessandro Rosso Group inizia la vendita dei biglietti per Expo Antalya 2016, vi porterà anche le aziende e i loro eventi
A
Ha venduto 3 milioni di biglietti di ingresso a Expo Milano in tutto il mondo e si è assicurato il primato vendendo anche il 20 milionesimo (nella foto), simbolo del successo della manifestazione. E ora Alessandro Rosso Group entra in forze nella programmazione del prossimo Expo, quello che si svolgerà ad Antalya nel 2016 e dei cui biglietti sarà distributore a livello internazionale.

Expo Antalya 2016 aprirà le porte nella città turca il 23 aprile 2016, per concludersi il 30 ottobre: non sarà un’Esposizione Universale come quella di Milano, ma un’Esposizione Internazionale Orticola, una delle 4 categorie di Expo promosse e regolate dal BIE, più piccola ma simile nel concept a quella dell’Expo Universale. L’evento, ancora poco conosciuto al pubblico italiano, è stato presentato a Milano da Hașmet Suiçmez, segretario generale di Expo Antalya, e da Alessandro Rosso, che è anche presidente del World Expo Commissioners Club attraverso cui si occuperà di cercare adesioni tra i paesi del mondo interessati a parteciparvi.

Il sito espositivo di Antalya (110 ettari) sarà grande quasi quanto quello dell’Expo di Milano e vi troveranno posto, oltre ai padiglioni dei paesi partecipanti, un’infinità di attrazioni: il museo della biodiversità, l’isola dei bambini, la foresta pluviale, il centro scientifico e tecnologico e l’Expo Tower alta 110 metri, ma anche un centro congressi da 6.500 posti, due anfiteatri da 1.500 e 5.000 posti e un palazzo delle arti, tutto declinato secondo il tema Fiori e bambini, una vita sostenibile per le generazioni future.

La prima mossa è promozionale: attraverso il sito YourwaytoExpo.com, Alessandro Rosso Group regala già da oggi un biglietto per l’Expo di Antalya a chi ne acquista in extremis uno open date per Expo Milano, ma Best Tours, il tour operator del gruppo, ha già pronti i pacchetti viaggio per Antalya comprensivi di biglietto d’ingresso all’Expo. E i brand della holding che si occupano di eventi, incentive e congressi si stanno attivando per portare in Turchia sia le aziende che non hanno colto l’opportunità di Milano sia quelle che invece vogliono replicare l’esperienza Expo.

All’Expo di Antalya hanno aderito finora 40 paesi, fra cui l’Italia, che parteciperanno con propri padiglioni, spazi o installazioni: un’altra decina di paesi stanno perfezionando l’adesione e le aspettative sono quelle di arrivare a 80-90 paesi, per un flusso di visitatori stimato in 8 milioni di persone, la metà delle quali provenienti da fuori Turchia.

L’80% dei lavori per la costruzione del sito espositivo è già stato completato, e si prevede che entro fine anno, in buon anticipo sulla data di apertura, l’area Expo che sorge 17 chilometri a est di Antalya sia pronta per essere allestita. Per la costruzione del sito il governo di Ankara ha investito 300 milioni di dollari e ne investirà altri 200 per la gestione, il marketing e la comunicazione dell’evento. Diversamente da ciò che accadrà a Milano, le strutture di Expo Antalya non saranno smantellate e il sito, che sarà in tanta parte composto da parchi e giardini, rimarrà aperto alla fruizione del pubblico.

© Event Report – riproduzione consentita con credito e link alla fonte

Commenta su Facebook