La Divina Bellezza di Siena proiettata in 3D sulla facciata del suo Duomo, Filmmaster Events firma il progetto di “history telling”
A
Ogni immagine proiettata pesa 6 milioni di megapixel, tanta alta ne è la definizione. “Schermo” d’eccezione è la facciata del Duomo di Siena, che dal 24 luglio al 30 settembre sarà lo scenario del primo progetto di “history telling” d’Italia: una spettacolare proiezione in 3D che tutte le sere racconterà la storia della città, dei suoi luoghi e della sua gente.

Lo show si chiama La Divina Bellezza – Discovering Siena, ed è un progetto tra arte, cultura, storia e tecnologia ideato e prodotto da Filmmaster Events in collaborazione con Opera Gruppo Civita – che come Filmmaster è parte di Italian Entertainment Network – con l’Opera della Metropolitana di Siena che gestisce la fruizione culturale del complesso del Duomo e il Comune di Siena.

La Divina Bellezza si articola in 5 atti che ripercorrono il passato della città: la nascita del Palio, gli anni della ricchezza, il passaggio tra Medioevo e Rinascimento, il flagello della peste e il Duomo Nuovo mai costruito, che invece prenderà magicamente vita. L’idea è quella di spettacolarizzare l’arte, attraverso le più avanzate tecnologie, per far vivere i monumenti raccontandone la storia e l’identità. Si tratta, nelle intenzioni dei produttori, di un progetto pilota che aspira a raccontare con le immagini le bellezze dell’Italia come patrimonio da vivere dai turisti e dagli stessi italiani.

“È un progetto di respiro internazionale, che permetterà di rendere visibile l’invisibile e di rivivere non solo la storia di Siena e del Duomo, ma lo spirito e l’anima di una intera città” dice Alfredo Accatino, direttore creativo di Filmmaster Events e autore dello show. “Per fare questo ho voluto coinvolgere il meglio della tecnologia immersiva a livello internazionale, e ritengo che La Divina Bellezza possa rappresentare il futuro per la valorizzazione dei nostri beni culturali. Mai in Italia era stata proposta un'installazione permanente di questo genere”.

Oltre al grande valore artistico e culturale, l’auspicio è che l’iniziativa incida sull’indotto turistico della città: “L’evento potrà contribuire positivamente all’economia del territorio, in termini di aumento della permanenza in città dei visitatori anche nelle fasce orarie notturne, con la relativa fruizione dei servizi alberghieri, di ristorazione e commerciali” spiega il sindaco di Siena Bruno Valentini.

Lo spettacolo sarà in programma tutti i giorni della settimana, da luglio a settembre, con due proiezioni per sera, dopo il tramonto.

Commenta su Facebook