The Next Event chiude il primo anno di attività con 6 milioni di fatturato: vince il “cocktail di competenze”
A
È stata costituita un anno fa, e ora festeggia il primo compleanno con un fatturato di 6 milioni di euro. The Nex Event, la divisione di Next Group dedicata alla comunicazione per gli eventi, ha già al proprio attivo un buon numero di progetti per clienti del calibro di Coca Cola, Vodafone, Nestlè, Assicurazioni Generali, Peugeot, Lavazza, Sisal, Citroën, Wind, Mercedes-Benz, Santander, Credem, Poste Italiane.

Nata per affiancare la divisione logistica di Next Group nell’organizzazione di eventi integrati, The Nex Event è diretta da Alberto Camerino, secondo il quale i risultati positivi del 2014 e dei primi mesi di quest’anno sono la prova della qualità del lavoro svolto e della tanto attesa inversione di tendenza del settore: “Convention ed eventi di comunicazione sono nuovamente una spesa virtuosa nei bilanci delle imprese. Con l’esperienza e la creatività che ci contraddistinguono, siamo convinti che il nostro gruppo possa ritagliarsi un ruolo da protagonista in questa nuova fase del mercato”.

Il team, dice il client director Simone Coggi, è un cocktail di competenze: “Ai professionisti che da subito hanno costruito la divisione si sono aggiunti creativi, account, producer, facendo di The Next Event un nuovo polo di attrazione per giovani talenti. Aver puntato su creatività e strategia ci ha permesso di vincere numerose gare, anche in ambito consumer. Del resto il travaso di competenze tra B2B e B2C è continuo: target e linguaggi sono diversi, ma la professionalità, l’attenzione per i nuovi trend e per le nuove tecnologie, le capacità produttive sono fattori comuni”.

“I numeri suscitano ottimismo, ma non per questo vogliamo abbassare la guardia” commenta Gianluca Prina, client director e new business developer. “Complice anche Expo, il momento pare quello giusto, tanto è vero che le nostre attività di business development stanno assumendo anche una piega internazionale, e le gare alle quali veniamo invitati sono sempre più numerose e frequenti. Non resta che andare avanti con determinazione”.

Commenta su Facebook