Nasce ISNT, agenzia creativa “difficile da definire”: tutta la comunicazione sotto lo stesso tetto
A

Arnaldo Funaro

Arturo Vittorioso

“Non siamo un’agenzia di advertising. Non siamo una casa di produzione. Non siamo un’agenzia digital. Non siamo un’agenzia di eventi. Non più. Siamo il risultato di tutto questo”. È così che Arnaldo Funaro e Arturo Vittorioso presentano ISNT, la nuova agenzia di cui sono i direttori creativi. Un nome curioso, l’agenzia “che non è” (isn’t), programmatico di un profilo difficilmente definibile e di una riluttanza a farsi inserire in una categoria.

Concretamente, questa neonata agenzia che ha aperto da pochissimo a Milano e Roma e sta già finalizzando un ufficio anche a Londra ha l’ambizione riunire in sé tutti gli aspetti della comunicazione: dalla strategia fino all’esecuzione, passando per l’advertising, il digital, gli eventi, i social media e il viral.

Funaro ha lavorato in Armando Testa, JWT, TBWA ed è stato direttore creativo del Gruppo Roncaglia, ha lavorato con aziende del calibro di Eni, Nissan, Toyota, BNL, VolksWagen, Cassina, Mercedes-Benz e vinto parecchi premi; Vittorioso ha iniziato in JWT per poi spostarsi in Saatchi&Saatchi, fondare la factory creativa CaroselloLab e andare anch’egli alla direzione creativa del Gruppo Roncaglia, con una carriera costellata di premi.

Ora, insieme, i due lanciano ISNT, con l’obiettivo di produrre “idee mai viste prima, degne di essere copiate” da applicare all’innovazione e alla tecnologia sentendosi sempre una “versione beta di se stessi, per non smettere mai di migliorarsi”. Il target sono le aziende, ma anche le agenzie di eventi, cui forniscono prodotti e servizi tecnologici di comunicazione.

Il team di lavoro è giovane, e può contare su uno studio avanzato di design e grafica (motion graphic, format tv, interaction design), con una specializzazione nel 3D real-time per realizzare idee interattive e soluzioni in 3D per tutti i dispositivi (smartphone, teche ologrammatiche, totem interattivi, Oculus Rift) e la capacità di realizzare sistemi tecnologici personalizzati direttamente in laboratorio.

“I benefici per una marca sono molteplici”, dicono Funaro e Vittorioso, “perché offriamo la possibilità di avere il controllo totale sul lavoro senza dover perdere risorse ed energie con più fornitori e la capacità di realizzare progetti dove ogni parte si incastra perfettamente con le altre, essendo nate tutte sotto lo stesso tetto”.

Commenta su Facebook