A Uevents la gestione di 8 padiglioni Expo: 15 nuove risorse e una campagna pubblicitaria per supportare la crescita
A
Sono 8 i padiglioni Expo affidati a Uevents, l’agenzia di eventi e comunicazione del gruppo Uvet: quelli di Stati Uniti, Ecuador, Messico, Angola, Montecarlo, Spagna, Argentina e Thailandia, con servizi che spaziano dalle attività di comunicazione e organizzazione di eventi alla gestione operativa e logistica di catering, hospitality e risorse umane. Inoltre, Uevents è impegnata impegnata nell’organizzazione di Italian Makers Village, il Fuori Expo di Confartigianato in via Tortona, che con un'area di 1.800 metri quadrati, 800 imprese italiane, 27 paesi stranieri, 12 delegazioni commerciali e 6 mesi di eventi, mostre, incontri e percorsi tematici sull’eccellenza artigiana nei settori food, moda, design, arte e meccanica sarà uno dei principali poli si attravzione al di fuori del sito Expo.

Acquisita a fine 2013 dal Gruppo Uvet quando ancora si chiamava Jakala Events, l’agenzia ha cambiato nome e pelle: un approccio più strutturato al mercato, nuovi obiettivi di crescita del fatturato attraverso una maggiore penetrazione nel settore degli eventi, nuove risorse per sostenere i progetti Expo e più in generale una visione di sviluppo sul lungo periodo. Oggi il team Uevents si compone di 45 professionisti (rispetto ai 30 dello scorso anno), con nuovi manager giovani ma già esperti che stanno portando in agenzia nuova linfa, nuove relazioni e nuove idee.

E proprio per sottolineare il nuovo approccio e i nuovi obiettivi Uevents lancerà a marzo un nuovo sito web e una campagna pubblicitaria ideata da Davide Mazzucchelli, direttore esecutivo della divisione eventi, che ha come claim Nulla a caso. “È questa la vera, grande qualità di chi fa comunicazione e organizza grandi eventi: non lasciare nulla al caso” dice Mazzucchelli. La campagna, che si declinerà su testate di settore con un orientamento prevalentemente digital, “Non è la solita pubblicità che dice quanto si è bravi, quanto quel servizio o prodotto sia buono, conveniente, intelligente o necessario. Pubblicizziamo un “approccio” alle cose improntato sul pensiero, sulla capacità di analisi delle situazioni e sull’abilità nel contestualizzarle”.

© Event Report – riproduzione consentita con credito e link alla fonte

Commenta su Facebook