Giorno della Memoria: a PalazziGas Events la produzione del forum di Praga e della commemorazione a Theresienstadt
A
Gli eventi istituzionali e commemorativi che PalazziGas Events è stata chiamata a produrre e organizzare sono stati promossi dal Congresso Ebraico Europeo, istituzione che da 4 anni, nel giorno della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz, ricorda l’orrore della Shoah con il forum internazionale Let My People Live!.

Quest’anno l’evento si è articolato su un programma di due giorni diviso in due momenti: il forum, realizzato in collaborazione con il parlamento europeo e il suo presidente Martin Schulz e tenutosi al Castello di Praga, e la commemorazione, che ha avuto luogo il giorno successivo – 27 gennaio, Giorno della Memoria – al campo di concentramento di Theresienstadt, che sorge a 70 chilometri dalla capitale Ceca.

Al forum hanno partecipato 900 persone, incluse 30 delegazioni ufficiali al seguito dei rispettivi rappresentati dei parlamenti e capi di stato europei, tra cui il presidente della Repubblica Ceca Milos Zeman. I lavori al Castello di Praga hanno visto la presenza di personalità di fama internazionale, professionisti e accademici che hanno affrontato i temi dell’antisemitismo, del neonazismo e del radicalismo religioso, e discusso il ruolo di media, politica e legislazione nel creare una cornice capace di arginare la violenza e l’intolleranza che ancora minacciano la sicurezza dell’Europa.

Al termine del forum i partecipanti hanno assistito al concerto Yellow Stars, un tributo alle vittime eseguito dai 98 elementi dell’orchestra filarmonica russa diretti dal maestro Vladimir Spivakov, e poi a un filmato sulla storia dell’Olocausto. Dopo il minuto di silenzio osservato in contemporanea con altri tre campi di concentramento collegati live, gli ospiti sono stati invitati alla cerimonia di commemorazione in programma a Theresienstadt, il campo reso noto dalla stessa propaganda nazista nel tentativo di dissimulare le atrocità perpetrate nei campi di concentramento e sterminio. A Theresienstadt la commemorazione è stata accompagnata dal cantore Joseph Malovany con il suo coro e dalle letture affidate all’attore premio oscar Sir Ben Kingsley.

L’organizzazione di Let My People Live! è stata per PalazziGas Events una sfida: “L’evento era complesso e delicato non solo per la solennità e l’importanza dei temi, ma anche dal punto di vista creativo, tecnico e logistico, tanto che ha richiesto il coinvolgimento di 1.400 professionisti” dice Francesco Palazzi, presidente dell’agenzia romana. “La sfida è stata coordinare la regia e la realizzazione del progetto, le diverse forze dell'ordine coinvolte, dovendo tenere presente la condizione di altissimo livello di guardia per la sicurezza, sia degli operatori che degli ospiti, soprattutto nelle operazioni di incoming, nelle procedure di protocollo e nei trasferimenti alle diverse location”.

L’agenzia si è avvalsa della direzione creativa di Anghela Alò e di esperti di cultura ebraica: “Le performance artistiche che abbiamo progettato e prodotto” ha spiegato Simone Casiglia, general manager di palazzi Gas Events, “hanno incluso il concerto della pianista Nathalia Romanenko, che ha eseguito l’Opera 25 composta a Theresienstadt, l’esposizione dei disegni dei bambini del campo, la mostra di strumenti ritrovati appartenenti ai musicisti di Theresienstadt e l'installazione con cui si è ricostruito l’ufficio di Reinhard Heydrich, la “stanza del boia”.

“Un evento istituzionale di tale levatura”, ha concluso il CEO di PalazziGas Events Giampaolo Rossi, “ha richiesto notevole responsabilità e sensibilità, ma anche la capacità di gestire un cerimoniale particolarmente complesso. Questo è stato per noi l’occasione di cimentarci in una produzione istituzionale, sociale, storica dopo anni di esperienza negli eventi corporate per il mondo del lusso e del cinema e negli eventi privati”.

Commenta su Facebook