easyJet primo vettore in Europa a utilizzare la tecnologia iBeacon, aiuterà i passeggeri a orientarsi in aeroporto
A
La tecnologia di micro-geolocalizzazione ideata da Apple è il prossimo asso nella manica di easyJet, che negli ultimi anni ha investito in tecnologia per facilitare l’esperienza di viaggio dei propri passeggeri. Con iBeacon, il vettore low cost inglese punta ora ad aiutare i clienti a orientarsi negli aeroporti più grandi e più complessi: la tecnologia di Apple, disponibile nei dispositivi con sistema operativo iOS7, utilizza il segnale bluetooth a basso consumo energetico per comunicare la posizione dell’iPhone agli iBeacon, piccoli trasmettitori radio in grado di inviare notifiche.

In questo caso, easyJet ha installato gli iBeacon negli aeroporti di Londra Luton, Londra Gatwick e Parigi Charles de Gaulle, posizionandoli strategicamente per garantire che i messaggi vengano inviati ai passeggeri al momento giusto: le notifiche ai cellulari dei passeggeri sono inviate tramite la app easyJet, che è configurata per iBeacon, e vengono attivate automaticamente quando i passeggeri si recano al bag drop e ai controlli di sicurezza per guidarli attraverso l’aeroporto fino al loro gate di imbarco.

Il sistema iBeacon si distingue dalla tecnologia NFC (near field communication) in dotazione con Android per il raggio d’azione: più di 50 metri per iBeacon, contro i 20 centimetri dell’NFC. Una volta rilevata la posizione del passeggero, la app di easyJet si attiva anche per ricordargli al momento giusto di preparare la carta d'imbarco oppure il passaporto.

easyJet sta testando il servizio in occasione della stagione estiva e ne estenderà l’applicazione in tutta Europa, se incontrerà il gradimento dei passeggeri, con l’obiettivo di rendere più scorrevoli i flussi di passaggio negli aeroporti e fornire assistenza ai passeggeri in ogni momento del viaggio.

Commenta su Facebook