Huggability Award: Ovation pubblica la lista dei 10 finalisti “più abbracciabili” dell’anno, un italiano in pole position
A
Eccola, la lista dei finalisti che si contendono il titolo di “persona più abbracciabile” della meeting industry internazionale: Ovation Global DMC, l’agenzia che promuove il simpatico premio, ha vagliato le candidature pervenute da diversi paesi del mondo e ha selezionato i 10 finalisti, uno soltanto dei quali vincerà l’Huggability Award.

Come primo finalista segnaliamo naturalmente il nostro (in quanto italiano) Riccardo Pizzuti, event manager di Ega Professional Congress Organisers, che ha ricevuto numerosissimi voti di candidatura da colleghi e amici della meeting industry e che vanta, lo ricordiamo, “oltre due metri di apertura di braccia”.

Riccardo ha così raccontato a Event Report le motivazioni della sua disponibilità a candidarsi: “Credo davvero che l’Italia debba essere presente, menzionata e considerata in un evento che, seppur goliardico, ha comunque un riscontro internazionale. Leggere che nessun italiano era stato “abbracciato” negli ultimi anni mi è dispiaciuto e ho pensato di fare qualcosa per riavere un po’ dell’affetto internazionale sulle nostre scrivanie, dietro cui siedono i moderni santi, poeti e navigatori”.

Ecco gli altri nove finalisti:

Bobbi Landreth, FedEx Corporation
Eduardo Chaillo, Mexico Tourism Board
Faye Bennett, IMEX Group
Jeff Hurt, Velvet Chainsaw Consulting
Kathy Roche, Western & Southern Life
Rick Lambert, Destinations
Sharon Chapman, The Guardian Life Insurance Company of America
Sue Pelletier, Penton Media
Thayer Phillips, Capitol Services

La lista completa dei candidati (fra cui figurano altri due italiani: Andrea Novelli di MPI e Daniele Renzi di Ovation Italy) e le motivazioni di selezione nella shortlist dei 10 finalisti sono consultabili sul sito di Ovation.

Il vincitore sarà svelato il 9 ottobre durante l’IMEX America di Las Vegas.

Commenta su Facebook