Annunciati i vincitori del Cannes Lions per il marketing esperienziale, social e digital
Il festival della creatività, in corso fino al 25 giugno, ha annunciato i vincitori della categoria Promo & Activation. Vince il Grand Prix una campagna virale di BV McCann Romania. Assegnati inoltre 5 premi Golden, 17 Silver e 32 Bronze. Le agenzie italiane hanno partecipato con 18 progetti, nessuno vincitore.
A
Sono stati premiati i vincitori del Cannes Lions, il festival internazionale della creatività, che nella categoria Promo & Activation assegna ogni anno un riconoscimento ai migliori eventi, progetti di marketing esperienziale, ambient, guerrilla, lanci di prodotto, campagne social e digital, sponsorizzazioni e temporary: la sezione ha avuto quest’anno 2.125 progetti iscritti, il 33% in più rispetto all’anno scorso. Di questi, 175 sono entrati nella shortlist dei finalisti, e 55 sono risultati vincitori di un leone d'oro, d'argento o di bronzo.

Nessun premio è andato alle agenzie italiane: i 18 progetti presentati non erano entrati nella shortlist dei nominati.

Il Grand Prix, premio principale assegnato dalla manifestazione, è stato assegnato al progetto American Rom dell'agenzia BV McCann Erickson Romania (sede di Bucarest), ideato per il cliente rumeno Kandia Dulce.
La campagna del prodotto, uno snack al cioccolato, è iniziata con un video virale per annunciare (in inglese) che il tradizionale packaging con la bandiera rumena sarebbe stato sostituito dalla bandiera americana. In seguito il prodotto è stato realmente diffuso con la nuova confezione. Un flash mob ha spinto il passaparola sul web e il progetto si è chiuso con l’annuncio televisivo che si trattava soltanto di uno scherzo.

Il premio è stato assegnato all'unanimità, spiega Warren Brown, presidente della giuria di sezione, "un'idea forte e coraggiosa, che ha saputo creare un forte coinvolgimento sfruttando al meglio tutte le potenzialità dei new media" e con una "forte componente di activation, dato che si è arrivati a cambiare il packaging di un prodotto".

I cinque Golden Prix assegnati dalla giuria di Cannes sono stati vinti dall'agenzia DDB Singapore per il progetto Musical Fitting Rooms (commissionato dal cliente Starhub PTE) uno store musicale su internet;  dall’agenzia tedesca Jung von Matt per Save as WWF, iniziativa per diffondere la consapevolezza ambientale.

L’americana 4th Amendment Wear, marca di abbigliamento, è stata premiata con due riconoscimenti: uno per l'uso brillante del social media marketing in una campagna pubblicitaria e l'altro nella sottocategoria Corporate Image & Information.

Nella sezione Promo & Activation, complessivamente, sono stati assegnati 5 premi Golden, 17 Silver e 32 Bronze. Gli Stati Uniti hanno conquistato due ori, un argento e sette bronzi, seguiti dalla Germania con un oro, due argenti e un bronzo. Il "medagliere" vede poi in classifica nelle altre prime posizioni le agenzie di Singapore (un oro e un argento), Francia (quattro argenti) e Argentina (tre argenti e un bronzo).

I progetti premiati con i Silver Lions (qui la pagina per consultare tutti i vincitori della sezione) spaziano dalle iniziative di responsabilità sociale e sensibilizzazione, per esempio The Missing Child della Kempertrautmann di Amburgo (Germania) per il cliente Initiative Vermisste Kinder, premiata per il miglior uso del guerrilla marketing; oppure la campagna A New Warrior, ideata dalla francese DDB Paris per Greenpeace, premiata nella sottocategoria Online Advertising. Tra gli altri riconoscimenti, l’agenzia Ogilvy Argentina per la non profit TED e la campagna virale interattiva su Youtube, molto nota al pubblico, A hunter shoots a bear, ideata per il prodotto Tipp-ex Pocket Mouse.

Tra i vincitori dei leoni di bronzo troviamo altre iniziative a carattere sociale come Donated Songs, creato dalla svizzera Wirz/Bbdo per l’organizzazione non governativa Salvation Army. In questa categoria (qui il link per consultare i progetti scelti) è molto ampia la provenienza geografica dei progetti, dall’India alla Nuova Zelanda, passando per Norvegia e Sudafrica.

Commenta su Facebook