Nielsen Economic and Media Outlook: pubblicità su internet in crescita
I trend del mercato pubblicitario indicati dal report semestrale di Nielsen: quest’anno raccolta televisiva quasi in pareggio, guidata dai canali digitali. Nel 2012 i nuovi media guideranno la ripresa.
A

Stime Nielsen sugli investimenti pubbllicitari in Italia

Nel 2011 l’advertising online manterrà i livelli di crescita (a due cifre) degli ultimi anni e la raccolta televisiva chiuderà quasi in pareggio, grazie agli investimenti sulle nuove emittenti (tv digitali). Ma nel 2012 – se dovessero essere confermate le pur “non esaltanti” attuali stime di crescita dell’economia – si attende una performance positiva del mercato, “che andrebbe ben oltre un semplice rimbalzo tecnico” dopo la crisi.

Sono le tendenze principali che emergono dall’ultimo Nielsen Economic and Media Outlook, il rapporto semestrale (scaricabile qui sotto) della società di ricerca che analizza gli andamenti macroeconomici e il mondo dei media, fornendo al contempo le previsioni sui trend degli investimenti pubblicitari fino al prossimo anno.

La televisione raccoglie ancora la fetta maggiore dell'advertising italiano, ma internet continua a crescere come fenomeno sociale e pubblicitario. Tutti i business legati al web registrano incrementi a due cifre: pubblicità, social network, e-commerce e il fenomeno emergente dei gruppi d'acquisto (ma per mantenere questi ritmi nel lungo periodo sarà necessario colmare il gap digitale dalle economie avanzate).

Quanto al mercato pubblicitario nel suo complesso, dopo un primo trimestre 2011 "molto negativo", la contrazione prevista da Nielsen per quest'anno riguarderà "tutti i media e in particolare la stampa e l'esterna". La fase peggiore, secondo l'analisi, "dovrebbe essere alle spalle", con una situazione più serena già da aprile.

"Nonostante la mancanza di eventi mediatici rilevanti, i prossimi trimestri saranno meno negativi e grazie alla crescita di internet, direct mail e delle tv digitali ci si avvicinerà al valore complessivo del 2010" si legge nel report Nielsen.

Commenta su Facebook