Federcongressi&eventi: il nuovo governo non ci dimentichi, possiamo dare un grande contributo
A
In vista della formazione del nuovo governo, Paolo Zona, presidente di Federcongressi&eventi, ha indirizzato alle istituzioni una serie di dichiarazioni auspicando che il nuovo esecutivo non dimentichi il ruolo chiave del turismo e, in particolare, del settore degli eventi, per l’economia del Paese.

La priorità è ora quella di far rientrare i meccanismi speculativi che stanno distruggendo l’euro, scrive Zona. "Superata l’emergenza, però, la vera sfida per la politica del futuro è la creazione di condizioni relazionali, economiche e normative che consentano il riavvio di processi di investimento, veri e partecipati, capaci di rimettere le imprese nelle condizioni di valorizzare ricerca e lavoro".

"Per queste ragioni auspico vivamente che la politica tenga presente e valorizzi un settore produttivo come quello degli eventi che, anche senza rivoluzioni, può dare un contributo di grande valore nel ristabilire la credibilità e l’autorevolezza che il Paese ha perso".

Zona ribadisce anche la necessità di una delega forte da parte delle Regioni e di chi si occuperà del Turismo fino a che il dicastero rimarrà vacante, per portare avanti i progetti in programma e in particolare il riordino dell’ENIT, il cui consiglio di amministrazione non è ancora stato convocato.

"Federcongressi&eventi offre subito la massima disponibilità alle Regioni e ai futuri inquilini del Palazzo, nella convinzione che il grande lavoro svolto sino a qui costituisca un patrimonio di valore a vantaggio di tutti, da affidarsi a mani e cervelli consapevoli, affidabili e autorevoli", conclude Zona.

Commenta su Facebook