In arrivo una rete wi-fi unica per tutta l'Italia, darà impulso al turismo e rileverà i comportamenti di viaggio dei visitatori
A
Dai primi mesi del 2017 in Italia dovrebbe essere disponibile un’unica rete wi-fi con cui navigare gratuitamente nei luoghi pubblici, sui treni, nelle piazze e nei musei. La rete sarà composta da oltre 28mila punti di accesso (hotspot) diffusi lungo tutta la Penisola ai quali accedere sempre con la stessa password.

Il wi-fi gratuito sarà fruibile da tutti, ma è stato pensato soprattutto per i turisti stranieri. Secondo La Repubblica, che ha riportato la notizia, il progetto di digitalizzazione "Italia WiFi" è stato sviluppato dai ministeri dello Sviluppo economico e dei Beni e delle attività culturali e del turismo, insieme all’Agenzia per l'Italia Digitale, principalmente per dare impulso all'incoming turistico internazionale.

Il servizio offrirà ai turisti un servizio internet capillare e, contestualmente, ne raccoglierà i dati di accesso su una piattaforma intelligente centralizzata, capace di analizzarne movimenti, luoghi frequentati e comportamenti di viaggio. I dati potranno quindi essere utilizzati per costruire strategie di promozione turistica generale o per azioni di promozione mirate da parte di soggetti pubblici e operatori privati.

Per navigare gratuitamente sarà sufficiente scaricare su smarphone e tablet l’applicazione dedicata con cui richiedere la password di accesso: per autenticarsi gli italiani potranno usare anche il proprio codice Spid, il Sistema pubblico dell'identità digitale, mentre gli stranieri, almeno nella fase di lancio, si serviranno del proprio numero di cellulare. In futuro tutti i cittadini europei potranno utilizzare la propria identità digitale.

Per avviare il progetto Italia WiFi il governo ha stanziato 2 milioni di euro per la realizzazione della app e della piattaforma unica; i 28mila hotspot, già esistenti, saranno "riuniti" in un'unica rete. La fase successiva al 2017 prevede l’ampliamento della rete con nuovi punti wi-fi e lo sviluppo di sinergie tra pubblico e privato per erogare nuovi servizi digitali ai turisti.

Commenta su Facebook

Altro su...

Turismo

Web e digital