Al via IF! Italians Festival: alla kermesse della creatività Marco Balich racconta l'evento che ha parlato a 3 miliardi di persone
A

Marco Balich

È nato come evento dedicato al mondo della pubblicità ma è già diventato un festival a tutto tondo che tocca tutti i campi della creatività: dalla comunicazione agli eventi fino alla letteratura e alle arti sonore. Così, la terza edizione di IF! Italians Festival che apre domani al Teatro Franco Parenti di Milano si annuncia come particolarmente eclettica, con 70 sessioni in cui 120 speaker provenienti da tutto il mondo racconteranno lo stato dell’arte della creatività presentando scenari di riferimento, esempi di innovazione, casi di successo e nuove tendenze.

Organizzato e promosso dall’Art Directors Club Italiano e da Assocom/PR HUB in partnership con Google, il festival si articola su tre giornate (dal 6 all’8 ottobre) con un programma che lascia spazio tanto alla formazione quanto al networking e all’interazione del pubblico con i professionisti internazionali della creatività e con un parterre di ospiti nazionali che include nomi quali Fabio Volo, Maurizio Cattelan, Rudy Zerbi, Rocco Tanica e Chef Rubio.

Tema dell’edizione di quest’anno è “No show, no business”, a sottolineare il fatto che per veicolare con efficacia contenuti e messaggi la creatività deve anche “fare spettacolo”. E di come i contenuti fanno spettacolo negli eventi parlerà nello specifico Marco Balich, che nel talk del 7 ottobre intitolato "Lo show più grande del mondo: come parlare a 3 miliardi di persone" racconterà le cerimonie di apertura e chiusura delle Olimpiadi di Rio di cui è stato produttore esecutivo.

IF! Italians Festival aprirà la sera di giovedì 6 ottobre con lo speech di Bruce Sterling, scrittore di science fiction e pioniere del genere cyberpunk, dal titolo “Italy Must Lead in Technology Art”, per proseguire con lo Shortlist Party, evento che celebra la creatività italiana con l’esposizione delle campagne di comunicazione entrate nelle shortlist degli ADCI Awards 2016 (la cui premiazione finale chiuderà il Festival nella notte di sabato 8 ottobre). In chiusura di serata la performance live di Painè & Scanner, artisti di riferimento della scena elettronica internazionale che presenteranno una loro creazione sonora realizzata appositamente per l’apertura del festival.

Nei giorni successivi sono previsti gli interventi di alcuni dei più influenti creativi e pubblicitari a livello mondiale, fra cui Abigail Posner (Google), Tham Khai Meng (Ogilvy & Mather), Katrien Bottez (Famous) e Jaime Mandelbaum (Young&Rubicam), le performance dei comici Saverio Raimondo e Francesco Mandelli e il programma di formazione della Berlin School of Creative Leadership. La "scuola della prestività" proporrà una Masterclass di 2 giorni per manager e profili di alto livello e “90’ of Creative Leadership”, format di tre mini-master da 90 minuti ciascuno rivolti alle figure professionali che in azienda e nelle agenzie di comunicazione si occupano di marketing, accounting e creatività.

I biglietti per partecipare al festival della creatività sono in vendita sul sito ufficiale dell’evento, dove si può consultare il programma completo con gli abstract delle sessioni.

Commenta su Facebook