Luca Patanè nominato Cavaliere del Lavoro: il Gruppo Uvet crea occupazione e crescita economica
A

Luca Patanè

È un riconoscimento per i risultati raggiunti nell’attività di impresa e nella creazione di sviluppo e di posti di lavoro, conferito ogni anno dal presidente della Repubblica in occasione della festa della Repubblica che si celebra il 2 giugno. A ricevere il titolo di Cavaliere del Lavoro è stato quest’anno Luca Patanè, presidente del Gruppo Uvet, unico imprenditore del turismo fra i 25 nominati dal presidente Sergio Mattarella.

Merito di Patanè è quello di aver dato vita a un’azienda in crescita che crea continuativamente nuovi posti di lavoro. Il Gruppo Uvet infatti conta oggi più di 1.000 dipendenti distribuiti nelle sedi italiane ed estere, per un giro d’affari di 2,4 miliardi di euro che proviene da attività nel campo della distribuzione dei servizi turistici, del business travel e degli eventi aziendali.

Classe 1961, Luca Patanè è entrato in Uvet nel 1989, quando l’agenzia di famiglia aveva 42 dipendenti e un fatturato pari a circa 25 milioni di euro. Dopo la morte del padre (il fondatore) ne ha preso in mano le redini come responsabile vendite e poi, dal 1996, come amministratore delegato.

Nel 2012 Patanè è stato eletto presidente di Federviaggio e da giugno 2013 è anche presidente di Confturismo-Confcommercio, l’organizzazione di livello confederale più rappresentativa del comparto turistico. “Sono più che entusiasta di questo riconoscimento” ha dichiarato alla notizia del conferimento dell’onorificenza. “La crescita del Gruppo Uvet è sempre passata attraverso le competenze di chi ci lavora, e il riconoscimento premia me in prima persona per aver creato un’azienda florida, ma premia anche tutti coloro che hanno contribuito a renderla tale”.

Commenta su Facebook

Altro su...

Uvet