Social privacy, il Garante pubblica un manuale su come tutelarsi nell’era dei social network
A
È dedicato alle persone comuni, ma anche alle imprese, ai professionisti e a chi cerca lavoro sul web il manuale Social privacy, come tutelarsi nell'era dei social network pubblicato dal Garante della privacy per aiutare i cittadini a difendersi dai pericoli della rete.

Presentato nei giorni scorsi, il volumetto digitale analizza problemi e opportunità legati all'uso dei social network soffermandosi sui “pericoli” più comuni – professionisti che mettono a rischio i propri contatti di lavoro, utenti che installano software o app dannosi attratti dal fatto che sono gratuiti, persone che rendono pubblici i propri dati bancari, ragazzi che postano i propri segreti e le proprie immagini – e suggerisce soluzioni e comportamenti atti a evitare le trappole e a preservare la propria privacy.

Suddiviso in 4 capitoli (Facebook & co, Avvisi ai naviganti, Ti sei mai chiesto?, 10 consigli per non rimanere intrappolati) con un glossario conclusivo che riporta il gergo della rete, il manuale prende in considerazione le nuove frontiere aperte non solo dai social network tradizionali, ma anche dalle numerose piattaforme di messaggistica sociale istantanea, la cui crescita è andata di pari passo con la rapida diffusione dei dispositivi mobili (smartphone e tablet) e dei dispositivi indossabili come occhiali e orologi "intelligenti", soffermandosi su temi quali quello delle false identità, del sexting e del cyberbullismo.

Non esistono più barriere fra la vita digitale e quella reale" ha detto Antonello Soro, presidente del Garante. "Quello che succede online sempre più spesso ha un impatto fuori da internet, nella vita di tutti i giorni e nei rapporti con gli altri. Proprio per questo nel mondo di internet è necessario non perdere mai di vista il corretto rapporto tra le nuove forme di comunicazione sociale e la tutela della propria e dignità e di quella degli altri”.

Sotto, da scaricare, il manuale Social privacy, come tutelarsi nell'era dei social network.

Commenta su Facebook