Engagement: come costruire post efficaci sui 4 social media del momento
A
Engagement: è la parola magica per qualunque azienda utilizzi i social media e l’obiettivo principale di ogni responsabile marketing. Ma coinvolgere attivamente il proprio target attraverso i canali social non è così semplice: non basta scrivere poche righe di testo, quand’anche azzeccate, o pubblicare una foto, per quanto bella, per rendere un post interessante tanto da stimolare commenti, condivisioni o ulteriori post.

La ricetta ideale per fare engagement sui social media in realtà non esiste. Gli ingredienti fondamentali sono molti, ma anche quando accuratamente miscelati non garantiscono il successo. Occorre avere obiettivi ben definiti per sapere qual è il risultato che si vuole ottenere con l’engagement; occorre conoscere il proprio target per proporgli contenuti mirati e rilevanti; occorre una strategia multicanale per presidiare i luoghi dove quel target interagisce; occorre, soprattutto, provare e riprovare fino a che non si trova che cosa tocca le corde della community (professionale o meno) cui ci si rivolge.

Prima di tutto, però occorre costruire post che siano adatti al canale social che si è scelto di utilizzare. I social media non sono tutti uguali, né equivalenti. Ciò che funziona per uno può non essere adatto per un altro. Indicazioni utili su come costruire il “post perfetto" le fornisce My Clever Agency, agenzia inglese di social media marketing che ha considerato le caratteristiche dei 4 social principali (Facebook, Twitter, Pinterest e Google+) per suggerire gli ingredienti di un post efficace su ognuno di essi. Eccoli.

Facebook
Fornite informazioni senza dire tutto. I post più interessanti sono quelli che non raccontano tutto subito e stimolano invece l’utente a cliccare sul link.
Inserite un link al sito dell’azienda e rendetelo ben visibile. Per accorciarlo si può utilizzare bit.ly, che consente anche di monitorare il numero di clic.
Includete le immagini, perché amplificano l’engagement. Una buona immagine stimola gli utenti a condividere il post.
Occhio al mobile. Postate immagini o elementi visivi relativamente semplici che possano essere visti facilmente anche sul piccolo schermo dello smartphone.
Siate disponibili. Postate quando il target è online, non solo in orario di ufficio. E poi, interagite con il vostro pubblico, il post da solo non costruisce una relazione.

Twitter
Utilizzate domande, fatti e dati specifici: stimolano l’interesse degli utenti e inducono il retweet.
Inserite una call to action per indicare agli utenti cose volete che facciano dopo avere letto il vostro post.
Ritwittate i contenuti che vi sembrano interessanti per il vostro target e ringraziate quando qualcuno lo fa con i vostri post.
Utilizzate le menzioni (di utenti specifici) per indurre gli “influenzatori” a interagire con voi, e poi rispondete.
Abbreviate sempre i link: quelli accorciati con bit.ly sono i più ritwittati.

Pinterest
Postate immagini senza volti umani: hanno maggiori probabilità di venire condivise. Le immagini postate dai brand sono condivise il 23% delle volte in più se non contengono visi di persone.
Utilizzate immagini con colori multipli. Quelle con più colori dominanti vengono condivise il triplo delle volte. Quelle che hanno molto rosso o arancione ottengono il doppio dei repin della media.
Attenzione allo sfondo. Quando supera il 40% della superficie dell’immagine ne abbassa di oltre la metà le possibilità di essere condivisa.
Meglio in verticale. Le statistiche dicono che sono le immagini verticali quelle più condivise, con proporzioni che vanno dai 2:3 ai 4:5.

Google+
L’hashtag è d’obbligo, perché consente a più utenti di vedere il vostro post e anche a chi non vi segue di trovare il vostro contenuto.
Taggate persone e brand quando è opportuno e/o rilevante. Riceveranno una notifica e potrebbero commentare e interagire con il vostro post.
Conversate con chiunque commenti o condivida il vostro materiale. La comunicazione e il coinvolgimento avvengono soltanto se siete presenti e “sul pezzo”.
Utilizzate immagini grandi e vivaci a corredo del post. Non utilizzate un link, perché la foto verrà pubblicata molto piccola.

© Event Report – riproduzione consentita con credito e link alla fonte

Commenta su Facebook