Social media, boom di utenti: nel mondo li usa una persona su quattro, ecco la mappa dello sviluppo futuro
A
Il fenomeno social media, che a inizio anno diverse fonti davano in fase di stallo, sembra invece non solo godere di ottima salute, ma anche continuare a vantare percentuali di crescita a due cifre, con dati di penetrazione che per il 2013 sono stati stimati nel 25% della popolazione mondiale. Una persona su quattro nel mondo, cioè, utilizza attualmente una o più piattaforme social almeno una volta al mese.

Secondo il sito emarketer, che ha rilasciato giorni fa il report Worldwide Social Network Users: 2013 Forecast and Comparative Estimates, in un solo anno il numero di persone che a livello globale si connettono ai social media è aumentato del 18%, da 1,47 miliardi nel 2012 a 1,73 miliardi quest’anno. Le proiezioni future arrivano a stimare che nel 2017 ci saranno nel mondo ben 2,55 miliardi di utenti attivi sui siti social, anche se, necessariamente, le percentuali di crescita si ridurranno gradatamente quanto più si arriverà vicino al livello di “saturazione” del mercato.

Oggi, la mappa dello sviluppo social è legata principalmente a due macro aree geografiche: Asia-Pacifico e Medio Oriente-Africa che, malgrado l’elevato numero assoluto degli utenti social, continuano ad avere tassi di penetrazione sulla popolazione complessiva piuttosto bassi. I paesi dove i social media avranno nei prossimi quattro anni maggiori percentuali di crescita, secondo emarketer, sono India, Indonesia, Messico, Cina e Brasile, cioè, di fatto, i paesi più popolosi del pianeta.

Già oggi, la regione dell’Asia-Pacifico è quella che conta il maggior numero di utenti social (777 milioni in totale), ed entro la fine dell’anno si stima che arriverà al 45% di share globale, con 1,23 miliardi di utenti previsti nel 2017. Al secondo posto l’America Latina, che conta a oggi 217 milioni di persone attive sui social. L’area Medio Oriente-Africa, che nel 2013 è presente sulla mappa social con 210 milioni di utenti, è quella con il tasso di crescita più elevato, che le proiezioni stimano arrivare a coinvolgere 358 milioni di persone nel 2017, il numero più alto dopo quello dell’Asia-Pacifico. Fra 4 anni inoltre, il numero di persone che utilizzeranno i social media nella regione dell’Europa dell’Est (inclusa la Russia) supererà per la prima volta, con 223 milioni di utenti, quello del Nord America, che si attesterà sui 203 milioni di unità. La mappa della diffusione dei social network nel mondo, dice emarketer, riflette sostanzialmente quella della crescita demografica nelle diverse macro regioni.

Altro discorso è quello del tasso di penetrazione sulla popolazione complessiva: il primato, in questo caso, spetta attualmente al Nord America, dove il 52% delle persone utilizzano i social media. Al secondo posto c’è l’Europa Occidentale, con un tasso del 42%, seguita da Europa dell’Est-Russia, America Latina e, agli ultimi posti, Asia-Pacifico (dove nel 2013 il tasso di penetrazione è soltanto del 20%) e Medio Oriente-Africa, dove al momento le piattaforme social raggiungono il 15,5% della paopolazione.

Fra quattro anni anche questa mappatura si modificherà considerevolmente: al primo posto ci sarà sempre il Nord America, con un tasso di penetrazione social del 56%, ma al secondo si inserirà l’America Latina, dove i social network raggiungeranno il 52% della popolazione. L’Europa Occidentale, con il 49%, sarà soltanto quarta, dopo Europa Centrale-Russia. Chiuderanno ancora la classifica Asia-Pacifico e Medio Oriente-Africa, con una crescita di circa 10 punti percentuali ciascuna, sufficienti tuttavia a portarle, in termini di numeri assoluti di persone, in cima al ranking mondiale. Nel 2017, conclude la stima di emarketer, a livello globale userà i social media una persona su tre (il 34,5%).

© Event Report – riproduzione consentita con credito e link alla fonte

Commenta su Facebook