Email marketing: l'orario di invio del messaggio ne determina il successo, ecco qual è il momento migliore
A
A che ora è meglio inviare un’email promozionale o una newsletter al proprio database di clienti, utenti, prospect? Ci sono fasce orarie in cui l’invio risulta più efficace oppure momenti specifici in cui i tassi di apertura si rivelano generalmente bassi? Benché siano oggi i social media a catalizzare l’attenzione di chi si occupa di comunicazione e marketing, le email continuano a essere una componente imprescindibile di qualunque campagna: come tutti gli strumenti, anche l’email marketing ha le sue best practice, e una di queste è proprio l’orario di invio delle email. A indagare l’argomento è stata GetResponse, società specializzata in software per l'email marketing che ha analizzato oltre 21 milioni di email inviate dai propri clienti per monitorare il comportamento dei destinatari in base all’orario di ricezione delle email.

Il primo dato di rilievo che emerge dall’analisi è che i migliori risultati si conseguono entro la prima ora dall’invio, quando il tasso medio di apertura è del 23,63%. Sembra una percentuale modesta, ma GetResponse ha rilevato che già durante la seconda ora dall’invio il tasso di apertura si riduce di più della metà (9,52%) e che entro la terza ora si perde un altro 30% di aperture (6,33%). Dopo 5 ore dall’invio il numero di aperture è diminuito del 90% e, successivamente, si può quasi dare per esaurito l’effetto invio: a 22 ore di distanza, infatti, il tasso di apertura è 0,78% e 24 ore dopo scende a 0,63%.

Occorre quindi pianificare strategicamente gli invii senza incappare in errori banali: per esempio, se l’invio viene effettuato alle 18 e le maggiori chance di apertura sono entro un’ora, bisogna tenere conto che dalle 18 alle 19 la maggior parte delle persone è bloccata nel traffico e che generalmente ritorna a guardare la casella di posta solo alle 21, a tre ore dall’invio, quando il tasso di apertura medio è del 6%.

L’analisi di GetResponse ha rilevato anche che il 38,7 dei messaggi viene inviato la mattina, nella fascia oraria che va dalle 6 alle 12; nel pomeriggio, dalle 12 alle 18, viene invece inviato il 25,8% delle email. Una percentuale significativa (il 29,6%) viene inviata dalle 18 a mezzanotte (quando però si pone il problema dell’indisponibilità all’apertura immediata) e pochi messaggi, solo il 5,9%, sono inviati da mezzanotte alle 6 del mattino. Visto che la maggior parte delle email arrivano nelle caselle di posta la mattina, la ricerca suggerisce che il momento migliore per l’invio sia il pomeriggio, quando le probabilità che il messaggio sia visto, aperto e cliccato sono superiori.

I tassi di apertura registrano infatti un picco del 10,61% nella fascia oraria 12-18, con un click through rate (CTR), cioè un tasso di click sui link contenuti nell'email, del 2,22%. Le altre fasce orarie registrano tassi di apertura inferiori: gli invii effettuati da mezzanotte alle 6 sono aperti al 6,31%, quelli dalle 6 alle 12 al 7,05% e quelli dalle 18 a mezzanotte all’8,33%.

In generale, comunque, l’indicazione che emerge dalla ricerca è che il momento migliore per inviare un messaggio via email è quando il target sta controllando la propria casella di posta: mattina e primo pomeriggio. Idealmente, dice GetResponse, l’orario migliore per recapitare una newsletter è alle 9 di mattina. E per invii internazionali, attenzione alle differenze di fuso orario.

Commenta su Facebook