LinkedIn: ecco le parole più usate (e abusate) nei profili professionali 2012
A
Come ormai tradizione a fine anno, LinkedIn torna a proporre la lista delle parole più utilizzate dagli utenti nel compilare i propri profili: per individuare i termini che ricorrono maggiormente, e che risultano quindi “abusati”, il network professionale più diffuso del pianeta, che conta oggi 187 milioni di iscritti (erano 135 milioni a fine 2011, quando è stata stilata la precedente classifica), ha “scansito” le pagine dei propri utenti di 21 paesi.

La parola in assoluto più utilizzata a livello globale è “creativo”, esattamente come nel 2011. L’aggettivo, che è anche in testa a diverse classifiche nazionali, è certamente positivo, ma oggettivamente un po’ generico: “Per fare emergere il proprio profilo occorre distinguerlo dai milioni di altri” dice Nicole Williams, esperta di LinkedIn in tema di carriera. "Se milioni di persone dicono di essere creative, forse è meglio distinguersi descrivendo progetti a cui si è lavorato sottolineandone l’unicità. In questo modo la creatività si evince dal contesto, in modo più convincente che non dicendo semplicemente ‘sono creativo’”.

Ecco, per ognuno dei paesi monitorati, la parola più utilizzata dagli utenti nel compilare i propri profili:

Australia: Creativo
Brasile: Sperimentale
Canada: Creativo
Egitto: Multinazionale
Francia: Responsabile
Germania: Creativo
India: Efficace
Indonesia: Multinazionale
Italia: Responsabile
Malesia: Motivato
Olanda: Creativo
Nuova Zelanda: Creativo
Arabia Saudita: Motivato
Singapore: Creativo
Sudafrica: Motivato
Spagna: Specializzato
Svezia: Creativo
Svizzera: Analitico
Emirati Arabi: Motivato
Regno Unito: Motivato
Stati Uniti: Creativo

L’aggettivo “creativo” è in testa alla classifica di 8 paesi: non a caso sono tutte economie avanzate dove, probabilmente, il valore aggiunto delle persone risiede nella capacità di innovare, cambiare, pensare a nuove soluzioni.

In Italia, come in Francia, la parola più usata è “responsabile”, che forse denota la necessità di trasmettere solidità e affidabilità. Lo scorso anno il termine più utilizzato in Italia era “problem solving”. Interessante notare la parola “multinazionale” ultilizzata in due economie emergenti (Egitto e Indonesia) quasi a sottolineare la capacità dei professionisti di lavorare a livello globale e con interlocutori internazionali.

Ecco, invece, le 10 parole più utilizzate nei profili degli utenti americani:

1. Creativo
2. Organizzativo
3. Efficace
4. Motivato
5. Vasta esperienza
6. Risultati raggiunti
7. Innovativo
8. Responsabile
9. Analitico
10. Problem solving

In generale, i termini più utilizzati sono “creativo”, “organizzativo” ed “efficace”. In aumento l’uso degli aggettivi “responsabile” e “analitico”, mentre scompaiono dai vertici delle classifiche parole in voga lo scorso anno quali “dinamico” e “capacità comunicative”. Quest’anno, infine, la parola “motivato” è più utilizzata di “vasta esperienza”, che era stata prima in classifica nel 2010. Come a dire che i profili su LinkedIn, in fondo, sono lo specchio del mercato.

Commenta su Facebook