Wi-fi pubblico: l’89% degli italiani mette a rischio dati personali quando usa le reti gratuite, ecco come cautelarsi
A
Benché sensibili alla privacy dei propri dati digitali, gli italiani usano con grande disinvoltura le connessioni wi-fi pubbliche, ignorando o sottovalutando il fatto che non garantiscono sicurezza perché utilizzano reti non protette ma spinti dall’esigenza di essere sempre connessi e dalla possibilità di risparmiare sul monte traffico mensile.

Le abitudini di navigazione degli italiani su reti pubbliche sono fotografate dal Wi-Fi Risk Report, la ricerca annuale che Norton by Symantec conduce in 15 paesi del mondo. Secondo lo studio, la quasi totalità degli italiani (l’89%) quando si serve dei wi-fi pubblici e gratuiti mette concretamente a rischio di hackeraggio i propri dati sensibili utilizzando gli hotspot per accedere al conto corrente, all’account di posta o a servizi che richiedono l’utilizzo di una password, e condividendo contenuti che non vorrebbero fossero resi pubblici (chat, foto e simili).

La mancanza di cautela è dovuta sia alla percezione di non poter essere una potenziale vittima di truffe o violazioni della privacy (“perché dovrebbe succedere me?”) sia alla carenza di informazioni sulle caratteristiche del wi-fi pubblico: tre utenti su cinque sono infatti convinti che sia sicuro.

Le connessioni pubbliche sono utilizzate soprattutto durante i viaggi: per il 74% degli italiani la presenza del wi-fi condiziona la scelta dell’hotel, per il 50% della linea aerea, per il 46% dei luoghi di ristorazione. Metà degli italiani si collega a una rete wi-fi principalmente per poter utilizzare le mappe e/o il GPS dello smartphone, e i più giovani anche per condividere aggiornamenti e foto sui social media.

Una curiosità: nemmeno la recente norma europea che ha abolito i costi del roaming dati sembra fermare l'appeal del wi-fi pubblico, visto che il 70% degli italiani è intenzionato a utilizzarlo comunque durante la propria permanenza all'estero.

Per proteggere le proprie informazioni online Norton by Symantec suggerisce alcuni accorgimenti: utilizzare un software per la sicurezza (come le reti private virtuali VPN che crittografano i dati), accedere a siti nella cui URL compare "https" con accanto il simbolo di un piccolo lucchetto e in generale evitare di inserire dati personali. Molti dispositivi ricercano automaticamente le connessioni ad altri dispositivi sulla stessa rete, rendendo i file vulnerabili: assicurarsi quindi di disattivare l’opzione di condivisione del proprio dispositivo.

Commenta su Facebook