La velocità di internet è chiave d'accesso all'economia digitale: l'Italia ancora troppo indietro sulla banda larga
A
La velocità di internet in Italia aumenta, ma meno di quanto servirebbe per dare slancio alla digitalizzazione del paese. Rispetto al 2015 la velocità media di connessione al web è sì cresciuta del 26%, ma gli 8,2 Mbps (megabit per secondo) di velocità media raggiunta sembrano ben poca cosa se confrontati con i 26,3 mega della Corea del Sud, il paese con la connessione più veloce del mondo.

Con la sua limitata performance l’Italia scende dal 51° al 54° posto del ranking mondiale e si ferma al 28° posto di quello europeo, seguita solo dalla Croazia, dalla Grecia e da Cipro, fanalino di coda con 6,7 mega. In Europa, i paesi con la connessione al web più veloce sono la Norvegia con 20 mega, la Svezia con 19,7 e la Svizzera con 18,4.

A fornire i dati è Akamai, che con il suo rapporto sullo stato di internet relativo al terzo trimestre del 2016 segnala come l’Italia sia indietro sul fronte dell’adozione della banda larga, quella cioè con una velocità superiore ai 4 mega. Secondo lo studio infatti quest’anno le connessioni a banda larga sono aumentate dell’11% rispetto al 2015, raggiungendo il 79% del totale, ma siamo ancora al 29° posto della classifica europea. Fanno peggio solo Cipro e la Francia, ultima nel rank dominato da Malta, dove le connessioni a banda larga arrivano a coprire il 96% del totale.

Le cose non vanno meglio per la banda ultralarga, superiore cioè ai 10 mega. Nonostante il tasso di diffusione sia raddoppiato, in Italia copre ancora solo il 19% delle connessioni, con uno scarto del 44% rispetto all’Olanda, il paese europeo dove è più diffusa. Ancora meno disponibile è la velocità superiore ai 15 mega: a fruirne è solo l’8% degli italiani, a fronte di una media europea del 20%.

Akamai ha esaminato anche la velocità di connessione al web da dispositivi mobili, rilevando il paese europeo dove è più elevata è il Regno Unito con 23,7 mega di media, più del doppio degli 11 mega dell’Italia.

Commenta su Facebook