Alberghi, aperta la procedura per richiedere il bonus fiscale sulle spese di riqualificazione sostenute nel 2016
A
Il Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo ha aperto ieri, 9 gennaio, la procedura per accedere al tax credit, il credito di imposta per le spese di ristrutturazione, riqualificazione o adeguamento energetico delle strutture alberghiere relativamente alle spese sostenute nel 2016.

La legge di bilancio 2017, approvata in corsa a metà dicembre, ha infatti riconfermato gli incentivi fiscali per gli alberghi, con la possibilità di fruire del credito di imposta per il 65% delle spese – fino al tetto massimo di spesa di 200mila euro e per un complessivo di risorse stanziate pari a 60 milioni di euro – per interventi di ristrutturazione edilizia e di eliminazione delle barriere architettoniche, di restauro e risanamento conservativo, di manutenzione straordianria, di incremento dell'efficienza energetica e di acquisto di mobili e componenti d'arredo.

Da ieri, e fino alle ore 16 del 27 gennaio, è possibile compilare online, sul Portale dei procedimenti del Ministero, la domanda con l’attestazione di effettività delle spese sostenute, mentre l’invio telematico della domanda stessa, il cosiddetto “click day”, è programmato dalle ore 10 del 2 febbraio alle ore 16 del 3 febbraio.

Entro 60 giorni dal termine di presentazione delle domande, il Ministero pubblicherà sul proprio sito l’elenco delle domande ammesse: il credito d’imposta è riconosciuto secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande e fino all’esaurimento dell’importo massimo di dotazione finanziaria annuale, e sarà ripartito su due quote annuali.

Commenta su Facebook

Altro su...

Alberghi