Google: l’Italia è il secondo brand nel mondo per ricerche online e la terza destinazione turistica dopo Usa e Cina
A

Carlo D'Asaro Biondo

“L’Italia è il secondo brand per numero di ricerche effettuate su Google nel mondo, preceduto soltanto da Coca-Cola. E in qualità di destinazione turistica, soltanto Stati Uniti e Cina possono vantare un numero di ricerche più elevato”. A fornire questi dati è stato Carlo D’Asaro Biondo, presidente delle operazioni Google in Europa, Medio Oriente e Africa, collegato in videoconferenza da Dublino giovedì scorso in occasione della presentazione in BIT del Piano strategico per lo sviluppo del turismo Italia 2020.

Il Piano è stato presentato dal ministro Piero Gnudi e dai consulenti che hanno contribuito alla sua redazione Massimo Bergami, dean dell’Alma Graduate School dell’Università di Bologna, e Nicola Pianon, managing director di Boston Consulting Group; gli interventi hanno sottolineato che il digitale ha un ruolo determinante per riposizionare, promuovere e commercializzare il prodotto Italia ed è uno degli ambiti su cui si concentra l’attenzione delle 61 azioni indicate dal documento come necessarie per restituite competitività all’industria turistica italiana.

I siti italiani di turismo hanno 216 milioni di visitatori unici l’anno” ha detto quindi D’Asaro Biondo. “Il numero è in crescita del 16%, ma è tuttavia ancora relativamente basso rispetto ad altre destinazioni. Oggi le ricerche su internet legate al turismo si sono moltiplicate esponenzialmente, grazie anche ai dispositivi mobili, smartphone in primis: i siti di alberghi e i siti che raccontano un luogo o una destinazione e che ne spiegano i contenuti sono fondamentali”.

Nel Regno Unito, ha detto ancora D’Asaro Biondo, il 72% dei consumatori compra online: in Italia è solo il 37%, ma il 45% delle persone comunque si informa attraverso il web prima di effettuare un acquisto. Ciò significa che una presenza online strutturata ed efficace è ormai imprescindibile. “Sono circa 85 miliardi l’anno le ricerche effettuate su Google che contengono le parole Italia o italiano, e 7 miliardi quelle relative all’Italia e al turismo”.

Secondo D’Asaro Biondo le destinazioni italiane più ricercate su Google a livello mondiale sono, in ordine di volumi di ricerche: la Costiera sorrentina e amalfitana, Venezia e Verona, Roma e Milano. “Le ricerche evidenziano che l’Italia non ha periodi di bassa stagionalità, come ha, per esempio, la Grecia: abbiamo mete turistiche per tutte le stagioni, dobbiamo approfittarne” conclude.

© Event Report – riproduzione consentita con credito e link alla fonte

Commenta su Facebook