Firenze: in un mese acquisiti 4 congressi che porteranno 2,5 milioni di euro, allo studio un piano incentivi anche per il corporate
A
Sono frutto anche degli incentivi a supporto delle candidature ai congressi (fino a 60mila euro in servizi) i risultati che il Firenze Convention and Visitors Bureau ha ottenuto negli ultimi mesi: da inizio anno sono stati 8 i congressi acquisiti, 4 dei quali – quasi tutti internazionali – solo nell’ultimo mese. E il bureau stima che proprio le più recenti acquisizioni, in programma fra il 2018 e il 2020, porteranno in città più di 4mila delegati, con una ricaduta economica di 2,5 milioni di euro tra pernottamenti e servizi relativi all’organizzazione.

Il primo a svolgersi, nel 2018, sarà il regional meeting dell’International Society for Cellular Therapy vinto insieme a Firenze Fiera, che porterà in città 300 delegati. Il promo contatto con l’associazione risale all’IMEX Las Vegas del 2013 ed è stato coltivato negli anni fino a portare all’acquisizione del congresso.

Nel 2019 arriveranno a Firenze l’International Congress on Controversies in Rheumatology Autoimmunity (1.000 partecipanti), acquisito con Firenze Fiera e organizzato dal PCO Kenes, e il congresso nazionale dei Lions, che si svolgerà al Teatro Verdi con 2.000 delegati. Infine, nel 2020 sarà la volta della IEEE Radar Conference (600 delegati), che sarà organizzata a Firenze Fiera dall’agenzia livornese First Class: Firenze ha avuto la meglio su Singapore grazie anche alla concessione a titolo gratuito della sede istituzionale per la cena di gala.

Alla luce di questi risultati, fra cui si contano nel primo semestre dell’anno anche 180 richieste gestite per meeting, convention ed eventi, il Firenze Convention and Visitors Bureau intende potenziare il piano incentivi: entro fine anno ne presenterà “l’ampliamento” dedicato ai clienti corporate, con l’obiettivo di incrementare il numero di eventi aziendali in città.

Commenta su Facebook