Quando gli eventi portano turismo: l’Italia quinta nel mondo per incoming legato a musica e sport
A
Questa volta non si parla di eventi di business, ma di eventi musicali e sportivi, fenomenali attrattori di turismo: sono sempre di più, infatti, le persone che si spostano per assistere a competizioni sportive, grandi concerti o che, nell’ambito di un viaggio, inseriscono il consumo di eventi locali come parte dell’esperienza turistica.

I dati del fenomeno sono forniti dal portale di compravendita di biglietti Ticketbits, che è attivo in 50 paesi: sono dati sicuramente parziali, ma indicativi dei trend di generazione dell’incoming legato a musica e sport e delle destinazioni che maggiormente ne beneficiano.

Intanto una prima evidenza: l’Italia è il quinto paese nel mondo per acquisti di biglietti dall’estero nel 2016: sul totale dei biglietti per eventi musicali e sportivi che si sono svolti in territorio nazionale la quota di vendite provenienti dall’estero è stata del 33%, con un incremento del 6,2% rispetto all’anno scorso. Meglio dell’Italia, in termini di attrattiva a livello internazionale dei propri eventi musicali e sportivi hanno fatto solo Regno Unito, Spagna, Francia e Brasile. Un altro dato di rilevo è che l’Italia è al terzo posto per numero di nazionalità (47) che attrae grazie ai propri eventi, superata solo da Francia e Spagna (prime a pari merito con 49 nazionalità) e da Brasile e Regno Unito (seconde con 48 ciascuno).

In Italia gli stranieri sono arrivati per assistere a eventi soprattutto sportivi (71,6%), ma anche musicali (24,6%) e teatrali (3,7%), con spagnoli, inglesi e francesi primi per numero di eventi acquistati. Il primato della spesa per evento (relativa all’acquisto dei biglietti, così come rilevata dal portale Ticketbits) è però dei messicani (1.240 euro), seguiti dagli spagnoli (601 euro), dai brasiliani (469 euro) e dagli americani (418 euro). I più “tirati” sono stati gli svizzeri, che hanno speso una media di 142 euro per evento.

Un’altra curiosità: la finale di Champions League che si è svolta in maggio a Milano occupa la prima posizione mondiale di quest’anno per vendite internazionali, cioè per numero di biglietti acquistati fuori dal paese ospite (in questo caso da utenti non italiani). E Milano risulta essere la prima destinazione italiana per “consumo di eventi” da parte del pubblico internazionale: dei 10 eventi sportivi e musicali tenutisi in Italia che hanno attratto il maggior numero di stranieri, ben 6 (oltre alla finale di Champions, tutte partite di calcio della serie A) si sono svolti a Milano.

Commenta su Facebook