A Torino 4mila delegati per il congresso di ortopedia, la città li accoglie per farli tornare come turisti
A
Inizierà domani per concludersi lunedì 31 ottobre il congresso nazionale della Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia (SIOT) che porterà a Torino 4mila delegati italiani e relatori provenienti da 11 paesi europei ed extra-europei coinvolgendo i 20 principali alberghi della città.

Il congresso, che torna  Torino dopo 16 anni, era stato acquisito nel 2013 a seguito della candidatura presentata da Paolo Rossi, responsabile di ortopedia e traumatologia all’ospedale CTO di Torino, e da Eugenio Boux, direttore di ortopedia e traumatologia all’Ospedale degli Infermi di Biella, con il supporto di Turismo Torino e provincia Convention Bureau e del PCO fiorentino OIC, cui fa capo l'organizzazione dell'evento.

Per accogliere la sesta edizione torinese del congresso SIOT (la prima risale al lontano 1893) l'amministrazione cittadina si è mobilitata perché, dice l’assessore al Turismo Alberto Sacco, ”Il turismo congressuale è un motore di crescita con un forte impatto, d'immagine ed economico; informare i congressisti sull’offerta culturale e sulle eccellenze cittadine offrendo una serie di servizi dedicati è fondamentale per agevolare la loro conoscenza e scoperta della città e per indurli a ritornare e vivere l’esperienza turistica".

Turismo Torino e Provincia ha quindi messo in campo una serie di servizi e agevolazioni per dare loro l’opportunità di vivere l’offerta culturale e artistica della città. All’aeroporto, nell’Ufficio del Turismo di piazza Castello e in zone strategiche di passaggio sono stati esposti roll up di benvenuto e nel Centro Congressi Lingotto, la sede dei lavori, sarà allestito un desk in cui verranno distribuiti il materiale informativo e le mappe della città personalizzate per l'evento.

I partecipanti, ai quali Turismo Torino ha inviato una newsletter con la presentazione della città e degli eventi in corso, godranno inoltre di una riduzione per l’acquisto della Torino +Piemonte Card e del City Sightseeing Bus, nonché di agevolazioni per i ristoranti.

Per incentivare e favorire la fruizione del sistema museale il Comune ha poi concesso ai congressisti l'ingresso gratuito ai musei civici Pietro Micca e della Frutta, iniziativa cui hanno aderito altri 4 musei cittadini; il Museo Egizio, il Museo Nazionale del Cinema, il Museo Nazionale dell’Automobile e la Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli propongono invece ingressi a tariffe ridotte.

Commenta su Facebook