Quando la pubblicità pulisce l’aria: le affissioni di Urban Vision hanno assorbito le emissioni di 67mila auto
A
Mega affissioni pubblicitarie che, diversamente dal solito, non vendono auto ma ne assorbono le emissioni inquinanti. La campagna è stata ideata da Ogilvy Italia per Urban Vision, azienda specializzata nella raccolta di sponsorizzazioni per il restauro dei beni architettonici che ha voluto raccontare al grande pubblico come anche la pubblicità possa contribuire a ridurre l’inquinamento urbano.

Le affissioni sono realizzate con la tecnologia The Breath, uno speciale tessuto tutto italiano messo a punto da Anemotech in collaborazione con l’Università Politecnica delle Marche, che sfrutta il naturale ricircolo dell’aria per trattenere e disgregare le molecole inquinanti presenti nell’aria, contribuendo così a ridurne la concentrazione.

La campagna di affissioni con la creatività di Ogilvy Italia viene collocata su ponteggi, cantieri di restauri o lavori di riqualificazione urbana: il test è stato effettuato su 4 postazioni a Milano, Roma e Londra (tra le città più inquinate d’Europa) e in soli 15 giorni, tra fine febbraio e inizio marzo, i pannelli Ad/sorbent hanno assorbito le emissioni inquinanti di 67.612 auto.

Vista l’efficacia dell’iniziativa, Urban Vision si è impegnata ad applicare questa tecnologia su tutte le sue postazioni (le affissioni a copertura dei cantieri di cui gestisce le sponsorizzazioni) entro il 2018, stimando che potrebbe eliminare le emissioni di 14 milioni di auto l’anno.

Commenta su Facebook

Altro su...

Pubblicità