La comunicazione made in Italy si espande in Africa: Now Available aprirà nuovi uffici in Nigeria e Costa d’Avorio
A

Emanuele Nenna

La definiscono un’agenzia “afropean”: input e training dall’Italia, professionisti e creativi dall’Africa, in una combinazione virtuosa all’insegna di un business in crescita. Si tratta di Now Available Africa, l’agenzia di comunicazione fondata nel 2013 ad Accra (Ghana) e detenuta al 51% dalla milanese The Big Now che per il secondo anno consecutivo chiude il bilancio in utile affermandosi come player di riferimento per l’area dell’Africa centro-occidentale.

Now Available Africa opera attualmente con un team di 28 persone, tutte locali (non ci sono più europei nell’ufficio), sotto la guida del CEO Kofi Mangesi, e in virtù dei risultati raggiunti oggi integra la propria offerta di comunicazione aprendo all’area strategica del media per accelerare la crescita del business.

A sostenere la nascita della nuova divisione media il CEO di The Big Now Emanuele Nenna e la head of media Elena Merazzi, che insieme ai colleghi ghanesi hanno svolto ad Accra una settimana di training intensivo sulle logiche di pianificazione media più evolute, con un focus particolare su digital e programmatic advertising. “Le aziende che operano nell’Africa centro-occidentale investono da alcuni anni in comunicazione digitale”, commenta Elena Merazzi, “e oggi si stanno spostando su discipline più evolute come il programmatic, su mobile in particolare”.

“Dopo 4 anni possiamo parlare oggi di Now Available Africa come di un’agenzia matura e autonoma” dice Emanuele Nenna. “Ora il nostro progetto imprenditoriale può compiere l’evoluzione che avevamo in mente dal giorno dell’evento di inaugurazione degli uffici ad Accra: la creazione di un network panafricano di agenzie con cultura internazionale e forti radici locali”.

Prossimo obiettivo della struttura italo-africana è infatti l’apertura, entro il 2017, di due nuovi sedi: una nella francofona Costa d’Avorio e una in Nigeria, il paese africano più popolato (circa 177 milioni di abitanti) e il primo per produzione di ricchezza.

Commenta su Facebook