Un viaggio nel prodotto: Màgina alla regia dell’evento-spettacolo da 1.000 partecipanti per i 140 anni di Albini Group
A
Celebrare i 140 anni di attività e raccontare il proprio prodotto, offrendo ai dipendenti e alle loro famiglie un momento di esperienze creative e di intrattenimento di alto livello: questo l’obiettivo dell’evento-spettacolo voluto da Albini Group, azienda del bergamasco che dal 1876 produce tessuti per camicie, per ringraziare chi ha contributo, con il proprio lavoro, al suo successo sul mercato.

L’azienda ha affidato l’ideazione e la produzione dell’evento all’agenzia riminese Màgina, che lo ha progettato come un vero e proprio viaggio nella vita del prodotto – dalle coltivazioni di cotone in Egitto fino alla realizzazione finita nello stabilimento di Albino – ambientandolo nello Spazio Fase di Alzano Lombardo (BG), location di archeologia industriale già sede della Cartiera Pigna.

Màgina ne ha allestito i 30mila metri quadrati di spazi, “vestendo” la location con i materiali, i tessuti e i colori di Albini in un’ottica di riuso e sostenibilita,̀ e utilizzando allestimenti a basso impatto ambientale (come la console del dj realizzata con bancali usati) che hanno accolto i 1.000 partecipanti e fatto da cornice alle performance degli artisti internazionali provenienti dal Cirque du Soleil. E attraverso gli allestimenti, i costumi in tessuto degli acrobati e dei giocolieri, le luci e le isole di intrattenimento, Màgina ha ricreato il processo produttivo arigianale che l’azienda mette in atto con la stessa passione di 140 anni fa.

Ogni piano della location nascondeva un pezzo di storia del prodotto da scoprire, e gli ospiti sono stati coinvolti in alcune esperienze che prevedevano l’interazione con il prodotto stesso: trampolieri con suntuosi abiti, ornati da fiori di cotone, davano il benvenuto, conducendo i partecipanti verso il lungo colonnato avvolto da fili bianchi intrecciati fra loro per ricreare l’ordito del tessuto. Una gigantesca libreria di cuscini in tessuto Albini è stato il set fotografico per divertenti scatti di gruppo, e gli ospiti, utilizzando la tecnica del camouflage, hanno indossato le camicie diventando un tutt’uno con la parete del tessuto stampato mentre silhouettista, giocoliere e danzatore aereo raccontavano con le loro performance il ciclo di vita del tessuto.

Il finale ha visto la consegna alla famiglia Albini di un quadro, realizzato con fiori in tessuto, da parte di tutti i dipendenti e il ringraziamento del presidente per la fedeltà dimostrata all’azienda.

Commenta su Facebook